Serie A, la top 11 del 2020 secondo Opta

La formazione di quest’annata molto travagliata, basata su statistiche individuali e di squadra. Silvestri in porta, fuori Ibra e Immobile

Anche per il 2020 Opta, il leader nelle rilevazioni statistiche applicate al calcio, ha stilato l’11 ideale della Serie A. Per decidere i migliori giocatori per rendimento, ha tenuto conto sia dei parametri individuali che dell’incidenza nelle prestazioni di squadra.

Anche se usando i dati è difficile parlare di sorprese, non tutti si sarebbero aspettati di vedere Marco Silvestri come portiere. Scelta più che giusta in realtà: nell’ottima annata del Verona (50 punti complessivi), le sue parate hanno aiutato e non poco.

Rispetto all’ultima Top XI di Opta, pubblicata ad agosto al termine del campionato, è cambiato il modulo (da 4-2-3-1 a 4-3-3) e tutto il centrocampo. La coppia Fabián Ruiz – Luis Alberto ha fatto posto a Franck Kessié, Hakan Calhanoglu e Rodrigo De Paul. L’attacco propone il trio Lukaku-Ronaldo-Gomez, lasciando fuori Ciro Immobile (28 gol in A nell’anno solare) e Zlatan Ibrahimovic (ma, forse, lo rivedremo alla fine di questa stagione).

Ecco la formazione, giocatore per giocatore:

Gianluca Di Marzio :: Il 'Gatto' tornato 'Hero: Marco Silvestri, chi è il  portiere che ha fermato la Lazio
  • Portiere: Marco Silvestri (Hellas Verona) – 32 partite, 37 gol subiti, 8 clean sheet

Tra i portieri con almeno 10 presenze nel 2020, Silvestri è quello con la percentuale di parate più alta, pari a 74%. Ovvero, su 136 tiri nello specchio ricevuti, ne ha intercettati 101.

Esame di italiano ok per Cuadrado, presto sarà comunitario
  • Terzino destro: Juan Cuadrado (Juventus) – 32 partite, 2 gol, 8 assist

Alla Juventus come terzino è diventato insostituibile, e sarebbe pure adattato. Nel 2020 nessun difensore ha fatto più passaggi di lui nella metà campo avversaria (1044).

Juve, ecco quando torna in campo De Ligt | Serie A | Calciomercato.com
  • Difensore centrale destro: Matthijs De Ligt (Juventus)- 23 partite, 3 gol, 1 assist

Con De Ligt in campo, la Juventus ha vinto il 65% delle partite giocate in Serie A quest’anno e subito 1 gol a incontro; senza di lui il 36%, con 1,4 gol presi di media. Dopo un inizio balbettante, si inizia a capire perché sono serviti 75 milioni per strapparlo all’Ajax.

INFORTUNI – Acerbi, Correa, Kjaer, Sanchez, Osimhen, Arthur e De Ligt: le  novità – SOS Fanta
  • Difensore centrale sinistro: Francesco Acerbi (Lazio)- 30 partite, 1 gol, 2 assist

Una certezza assoluta per la difesa della Lazio che, prima dello scoppio della pandemia, sembrava potersela giocare per lo scudetto. Acerbi rimane uno dei migliori centrali del campionato e, nel 2020, anche quello con più palloni recuperati (177).

Milan, Theo Hernandez: "Real? Vorrei rimanere a vita"
  • Terzino sinistro: Theo Hernández (Milan) – 33 partite, 6 gol, 6 assist

Hernández è uno massimi rappresentanti dell’ultima ondata di terzini tecnici, atletici e con elevata propensione offensiva (tra gli altri esponenti ci sono Alphonso Davies, Trent Alexander Arnold e Achraf Hakimi). Non per niente quest’anno ha il record di dribbling riusciti per un difensore di Serie A, ben 57. Il gioco verticale di Pioli al Milan è semplicemente perfetto per lui.

Gianluca Di Marzio :: Delneri racconta De Paul: "Mi ricorda due giocatori  del Napoli"
  • Mezz’ala destra: Rodrigo De Paul (Udinese)- 33 partite, 8 gol, 7 assist

Faro tecnico dell’Udinese, la cui manovra offensiva si basa in buona parte sulle sue invenzioni. Nel 2020 ha percorso 9500 metri con la palla al piede, nessuno come lui.

Milan, Kessie: "Mai pensato all'addio, questa maglia come una seconda  pelle. Obiettivi? Vogliamo solo una cosa" - Mediagol
  • Centrocampista centrale: Franck Kessié (Milan) – 33 partite, 7 gol, 4 assist

Il lavoro di interdizione di Kessié è stato uno dei punti di forza del Milan di quest’anno, e una delle ragioni dietro all’attuale primo posto. L’ivoriano ha recuperato 246 palloni in totale, meglio di qualunque altro giocatore di movimento.

Mercato Milan: novità sul rinnovo di Calhanoglu - Virgilio Sport
  • Mezz’ala sinistra: Hakan Calhanoglu (Milan)- 33 partite, 8 gol, 14 assist

Il turco, come tutto il Milan in realtà, ha fatto un deciso salto di qualità nel 2020. Il lavoro di Pioli lo ha aiutato, facendolo giocare nella sua posizione naturale di trequartista, dove aveva già brillato nel Bayer Leverkusen di Roger Schmidt. Quest’anno è stato il miglior rifinitore, con 14 assist, e quello con più occasioni create per i compagni (99)

Lo Monaco: "Provare a prendere il Papu Gomez è d'obbligo. Caicedo è l'uomo  giusto, ma..."
  • Esterno destro: Alejandro Gómez (Atalanta) – 30 partite, 6 gol, 12 assist

Per lui il 2020 non si chiude esattamente bene, vista la querelle con Gasperini e il suo probabile divorzio dall’Atalanta. Prima che succedesse tutto questo, è stato il giocatore in Serie A con più possessi recuperati nella trequarti avversaria (28). Per la Dea, sarà difficile sostituire un tassello così determinante nel suo sistema di gioco.

Inter, attesa per il recupero di Lukaku: il Belgio intanto lo convoca |  Goal.com
  • Attaccante: Romelu Lukaku (Inter) – 32 partite, 22 gol, 3 assist

Tra gli attaccanti con almeno 20 gol nel 2020, Lukaku è stato quello con la migliore percentuale realizzativa (27%). Ecco perché, nella top XI 2020, non vediamo né Immobile ne Ibrahimovic.

Calcio, Cristiano Ronaldo ancora positivo al Covid - Eurosport
  • Esterno sinistro: Cristiano Ronaldo (Juventus) – 29 partite, 33 gol, 5 assist

Non poteva mancare CR7, anche a 35 anni (cosa di cui puntualmente ci dimentichiamo, ma può darsi che sarà così anche a 40). Nell’anno solare 2020 è stato il miglior marcatore, con 33 gol. Per trovare chi ha fatto meglio in Serie A, bisogna tornare molto indietro: Nordhal ne fece 36 nel 1950, mentre il record assoluto sono i 41 di Felice Borel nel 1933, anche lui con la Juve.

Pubblicato da Filippo Errico Verzè

Credo ferventemente che i sogni infantili si possano avverare. Il mio era, ed è, fare giornalista sportivo, all’incirca da quando ho capito di essere troppo scarso per fare il calciatore. Che altro? Ci sarebbe una conoscenza quasi enciclopedica dei Simpson, Griffin e affini, e la ferma convinzione che un live degli Swedish House Mafia non abbia nulla da invidiare ad un concerto di Mozart.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: