Berrettini domina a Madrid. Suo il derby azzurro contro Fognini

Il tennista romano ingiocabile. Elimina l’avversario in un’ora e 21 minuti di gioco con il punteggio di 6-3 6-4

Matteo Berrettini devastante a Madrid. Il numero 10 del mondo ha dominato nel derby tricolore contro l’amico e compagno di nazionale, Fabio Fognini (n. 28), nel prestigioso Master 1000 iberico. Il match, durato 81 minuti di orologio, è stato vinto in scioltezza dal tennista romano che ha lasciato poco spazio all’avversario ligure, mai entrato veramente in gara. Berrettini ha dato dimostrazione di attraversare un ottimo momento di forma con il quinto successo consecutivo che gli vale il raggiungimento degli ottavi di finale nel Master di Madrid, per la prima volta in carriera.

Il match – Il punteggio parla chiaro: 6-3 6-4. Zero le palle break concesse, cinque aces e il 79% di prime messe in campo, con appena 11 punti persi nei propri turni di battuta. Buono anche il rendimento con la seconda di servizio, risultata vincente al 64%. Fognini dal canto suo ha cercato di rimanere aggrappato al match il più a lungo possibile, salvando cinque palle break su sette ma mai riuscendo ad impensierire veramente il numero 10 del ranking.

Il giovane tennista, classe 1996 contro il veterano classe 1987. Due generazioni di tennis a confronto che hanno dato spettacolo sulla terra rossa spagnola. Berrettini ha dato sfogo ai suoi colpi migliori, tra cambi di ritmo repentini e un gioco aggressivo che non ha lasciato respiro all’avversario. Lungo linea vincenti alternati a palle corte. Il ligure ha provato a replicare ma senza successo. Forse troppo spento, non convinto, fin dai primi game dell’incontro. Poteva fare di più. Molto di più.

Il romano ora approda agli ottavi di finale e se la vedrà con il vincente tra Albert Ramos-Vinolas (n. 37) e Federico Delbonis (n. 77). Due giocatori alla portata dell’azzurro. In caso di qualificazione ai quarti di finale il campione nostrano potrebbe trovare sulla sua strada uno dei favoriti per la vittoria finale, la testa di serie n.2 del torneo e n. 3 del mondo, Daniil Medvedev. Tutte ipotesi al momento perché il russo deve ancora esordire al secondo turno contro Alejandro Davidovich Fokina.

La forma ritrovata – Rinato dopo l’infortunio agli addominali, rimediato due mesi fa in Australia, Matteo ha ritrovato la giusta condizione, sia fisica che mentale. Nel derby italiano ha mostrato grande sicurezza in se stesso e una continua concentrazione mentale. Il torneo Atp 250 vinto a Belgrado la scorsa settimana ha dato tanta carica e fiducia al tennista numero uno d’Italia, che vuole trovare nella stagione sulla terra rossa quella continuità di rendimento venuta a mancare la passata stagione. Dopo l’appuntamento a Madrid la testa andrà direttamente al Foro Italico per gli Internazionali Bnl d’Italia, altro Master 1000 di punta che per gli azzurri varrà doppio.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: